Stampa
Visite: 73

Gelo d'Uva

Adoro l'estate! E' sempre stato così fin da piccola. Un tempo per me estate=mare.

Ricordo che bambina, durante le vacanze la mamma ci portava al mare (quasi all'alba).

Si arrivava in spiaggia quando i pescatori, con le loro barche e con il bottino di una notte di pesca rientravano, mentre i gabbiani in gruppo, diventano i padroni della spiaggia deserta, che da li a breve avrebbe accolto: mamme, bambini, urla, risate, ombrelloni colorati, venditori di cocco o di bibite fresche, che percorrevano avanti e indietro la spiaggia cercando di vendere per guadagnare qualcosa.

Custodirò questi tra i ricordi più belli della mia infanzia.

Con gli anni le cose sono un po' cambiate.

Adesso per me estate non è solo mare, ma anche montagna, campagna, camminate mattutine rigeneranti prima di correre al lavoro.

Insomma è ricerca di momenti di tranquillità che possano dare un equilibrio alla frenetica quotidianità.

Tra gli obiettivi primari di adesso portare l'estate in tavola, con dei piatti colorati freschi che possano far bene alla nostra salute che ci possano aiutare ad affrontar meglio le alte temperature.

Benvenuto settembre! Che dite, lo accogliamo con un buon gelo d’uva?

L’arrivo di settembre, ha sempre segnato per me in ordine d’importanza: la fine dell’estate, anche se al mare continuo ad andare;

l’inizio dell’anno scolastico; l’inizio di una nuova stagione, lo so che ancora non siamo in autunno ma io inizio a proiettarmi in avanti.

Ma torniamo al nostro gelo d’uva, seguendo i ritmi delle stagioni il gelo adesso non può che essere d’uva!

Nelle vigne i grappoli spiccano tra le foglie verdi e sono quasi pronti per la vendemmia, nei mercatini bio e nei fruttivendoli sono messi in bella mostra, grappoli d’uva di tutte le varietà, quindi non possiamo non approfittare di questa abbondanza.

Per questo gelo, io ho utilizzato grappoli d’uva da vino (totalmente bio) che mi sono stati donati da mio papà, voi potete anche utilizzare uva da tavola se preferite, il risultato sarà sempre delizioso al palato.

Negli ingredienti, noterete che il quantitativo di zucchero utilizzato non è molto, voi potrete aumentarlo leggermente se amate un gusto più dolce.

In basso per voi la ricetta e buon inizio settimana.

Carmen

gelo d uva

Ingredienti per 12 stampini da budino

800 ml di mosto (2 kg di uva da vino)

120 g di zucchero

70 g di amido di mais

Preparazione

Per ottenere 800 ml di succo, vi occorreranno circa 2 kg di uva da vino che trasformerete in succo utilizzando il passaverdure.

Lavate i grappoli d’uva, staccate gli acini, metteteli in un colapasta e passateli velocemente sotto il rubinetto dell’acqua, asciugateli e metteteli nel passaverdura.

Filtrate il succo ottenuto e versatelo in un pentolino, unite lo zucchero e l’amido.

Mescolate bene con una frusta evitando così che si formino i grumi.

Mettete il pentolino sul fuoco (a fiamma bassa) fate addensare mescolando continuamente.

Versate la crema preparata nei 12 stampini per budino e lasciate raffreddare.

Una volta raffreddati, riporre negli stampini con il gelo d’uva, in frigo per almeno 4 ore prima di sfornarli e poterli consumare.

Al momento dei servirli potere decorarli con una granella di pistacchio.